Installare i camini senza fumo è possibile, ecco alcuni esempi
Casa

Installare i camini senza fumo è possibile, ecco alcuni esempi

Ogni inverno che si avvicina ci ripropone sempre lo stesso quesito: quale migliore riscaldamento installare in casa? Niente di meglio di un buon camino! Ma come puoi goderti lo spettacolo delle fiamme e il loro calore se non c’è una canna fumaria nella tua casa o appartamento? Grazie ai camini senza fumo. Esistono due soluzioni: i camini a etanolo o i camini elettrici. Senza lavoro e senza disposizioni specifiche, questi tipi di dispositivi si spostano molto facilmente da una stanza all’altra e possono persino seguirti in caso di trasloco. È l’ideale in città, soprattutto se sei un inquilino o vivi in un condominio. Inoltre, senza un condotto o con un condotto chiuso, si moltiplica la capacità di riscaldamento per tre perché, con un camino convenzionale, 2/3 del calore viene evacuato al suo interno.

Camini senza fumo e senza vincoli

Il problema più grande per l’installazione di un tradizionale camino a legna o gas è che è necessario fabbricare uno scarico dei fumi. L’enorme vantaggio dei camini senza fumo è che non è più necessario installare questo tubo di scarico. Devi solo sistemare la cornice del fuoco e inserire un bruciatore a etanolo o un camino elettrico /o a vapore acqueo.

Chi possiede un camino a legna lo sa bene, lo scoppiettio del fuoco è esteticamente magnifico ma è anche molto restrittivo: trucioli di legno bruciato, terra, cenere, fumo, spazzamento, ecc. Tanti elementi che spesso ci dissuadono dal piacere delle fiamme. Con l’arrivo di bio-camini questi vincoli non esistono più. Sarai in grado di ammirare la bellezza delle fiamme ogni giorno, semplicemente premendo il telecomando.

Un focolare che utilizza energia rinnovabile pulita

I caminetti organici sono così chiamati, perché usano il bioetanolo; energia perfettamente rinnovabile che produce una combustione pulita: niente fumo, niente fuliggine, nessun odore. D’altra parte, con l’arrivo sul mercato di alcoli di terza generazione (dai rifiuti cellulosici e organici), ora possiamo davvero parlare di bio-camini senza condotti, ecologici.

Per quanto riguarda il camino elettrico e/o a vapore acqueo, è chiaro che non è necessaria la canna fumaria, in quanto non utilizzano alcun carburante e il fumo non ha proprio origine in alcun modo.

Camini senza canna fumaria organici (o a bioetanolo) o elettrici, come funzionano

Nel caso dei caminetti a bio-etanolo durante la combustione l’etanolo rilascia essenzialmente vapore acqueo, nonché una piccola quantità di anidride carbonica (CO2) equivalente alla quantità rilasciata da due o tre candele. L’ etanolo è un combustibile a base vegetale che deriva dalla distillazione della barbabietola da zucchero, mais, frutta, canna da zucchero, cereali. In realtà, è un alcool. A titolo indicativo, 1 litro di questo combustibile consente 2 ore di riscaldamento.

Come un tradizionale camino a legna, un camino a bioetanolo crea vere fiamme. Nessun vincolo di installazione: il camino può essere posizionato all’interno o all’esterno, sul muro o sul pavimento, in una casa o appartamento.

Alcune precauzioni d’uso devono tuttavia essere rispettate: continuare la combustione fino allo svuotamento del serbatoio (se il camino si spegne mentre il serbatoio non è vuoto, a contatto con le pareti calde, l’etanolo continuerà a evaporare e – in caso di cattivo odore – attendere che il serbatoio sia freddo prima di riaccendere il camino, aprire regolarmente la finestra per evacuare il vapore acqueo generato dalla combustione.

Modelli di caminetti a etanolo

  • Il camino a focolare aperto a etanolo senza vetro offre un’atmosfera incomparabile in casa, ma non riscalda molto e consuma molto più delle altre soluzioni;
  • Il camino chiuso a etanolo può riscaldare da sei a sette volte di più rispetto a un tradizionale camino aperto, bruciando meno carburante;
  • Il camino a etanolo con inserto non deve essere confuso con il camino chiuso. Sembra lo stesso ma il suo design è diverso. L’inserto è un dispositivo incorporato in un camino esistente per aumentare la sua capacità di riscaldamento;
  • Il camino a parete con etanolo viene inserito nella parete vicino al condotto di scarico (non obbligatorio per l’etanolo) se il tuo alloggio ne ha già uno. Il camino a etanolo da installare è intrinsecamente mobile.

Per quanto riguarda invece i caminetti elettrici non usano alcun combustibile. Sono capaci di riprodurre lo spettacolo visivo tipico del fuoco della legna. Ne esistono di due tipi: inserti che si inseriscono direttamente in un camino aperto inutilizzato e caminetti mobili di tutte le dimensioni e stili.

Sul lato pratico, il funzionamento dei caminetti elettrici è molto semplice poiché è sufficiente collegarli a una presa elettrica. Nessuna fiamma, nessuna combustione, quindi non c’è bisogno di una canna fumaria. Ma attenzione, un camino elettrico riscalda meno rispetto ad uno a combustibile, quindi in spazi molti estesi avrà comunque bisogno di un supporto. È quindi essenzialmente un camino decorativo.

Modelli di caminetti elettrici

  • Caminetti mobili servono da riscaldamento ausiliario. Ci piacciono per il loro aspetto decorativo e facili da spostare;
  • Inserti. Questo tipo di riscaldamento si adatta alla posizione del camino tradizionale.

Inserti high-tech contemporanei

Alla rinuncia dello scoppiettio delle fiamme, questi camini senza fumo, per essere in grado di adattarsi alle esigenze di una casa moderna, hanno risposto con la creazione di un’intera gamma di inserti organici. Non sono più ciotole piene di etanolo ma bruciatori elettronici telecomandati e sicuri. Basta premere il telecomando o il pulsante on / off per controllare il dispositivo. In caso di malfunzionamento rilevato dai sensori di sicurezza, le fiamme si arrestano automaticamente. Anche la gamma di inserti elettrici 3D soddisfa pienamente le esigenze di sicurezza. Le fiamme sono fredde e quindi senza alcun pericolo.

Prezzo dei camini senza fumo

Per l’acquisizione di un camino a bioetanolo aperto, sono necessari dai 500 ai 3.000 euro. Per un inserto, il prezzo sarà da 600 a 4.000 euro. Il prezzo del camino a bioetanolo dunque varia mediamente tra 1.000 e 4.000 euro; d’altra parte, beneficia di un credito d’imposta che rappresenta la metà del suo costo.

Leggermente più economici i camini elettrici con un prezzo che parte da 200 euro fino a 300 euro per quelli di fascia alta e super tecnologici.