installazione caldaie a condensazione

Cos’è e come funziona la caldaia a condensazione

La caldaia a condensazione è un tipo di caldaia altamente efficiente, che utilizza il calore contenuto nei fumi di scarico per produrre acqua calda e riscaldare gli ambienti. Presenta numerosi vantaggi, tra cui l’alto livello di efficienza energetica, dato che è in grado di trarre il massimo vantaggio dal calore contenuto nei fumi di combustione, riducendo al minimo le perdite di calore e garantendo un risparmio energetico fino al 30% rispetto ai tradizionali boiler a camera aperta. Questo è uno dei principali motivi per cui molte persone decidono di effettuare l’installazione caldaie a condensazione, oltre al fatto che rappresentano una scelta ecologica, poiché emettono meno CO2 rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali.

Grazie alla loro tecnologia avanzata, le caldaie a condensazione hanno una durata di vita più lunga rispetto ad altre soluzioni, garantendo un investimento a lungo termine per i proprietari di casa. Questi apparecchi moderni mantengono una temperatura costante e uniforme, garantendo un comfort ottimale in tutte le stanze dell’abitazione. Inoltre, contribuiscono a ridurre le emissioni di gas serra. Vediamo in modo più approfondito come funzionano e perché vale la pena installarle.

Le caratteristiche della caldaia a condensazione

La caldaia a condensazione funziona a gas, utilizzando il principio della condensazione per trasformare il calore contenuto nei fumi di scarico in energia termica. In questo modo è in grado di utilizzare il combustibile in modo più efficiente, riducendo i consumi e i costi del riscaldamento. Si tratta di una tipologia di caldaia capace di mantenere una temperatura costante e uniforme, dotata di sistemi di sicurezza avanzati, che proteggono l’impianto e gli utenti da eventuali pericoli, come la fuoriuscita di gas o il surriscaldamento.

Anche se non si è abili in materia, la caldaia a condensazione può essere gestita in modo semplice grazie ai display digitali e ai sistemi di controllo remoto. Questo vuol dire che se ci troviamo fuori casa, possiamo regolare la temperatura a distanza e fare in modo di trovare la casa calda al nostro ritorno. Alcuni modelli permettono di controllare la caldaia tramite un’applicazione mobile dedicata, che segnala anche eventuali guasti o problematiche.

Perché la caldaia tradizionale è andata in pensione

Dal 25 settembre 2015 è nato l’obbligo di immettere sul mercato solo ed esclusivamente caldaie a condensazione e di interrompere la produzione delle vecchie caldaie tradizionali (ovvero le caldaie a camera aperta e le caldaie a camera stagna). Questo vuol dire che chi ha già installato una vecchia caldaia può continuare ad utilizzarla, ma quando non funzionerà più dovrà sostituirla con una moderna caldaia a condensazione. Ma perché questa tipologia di riscaldamento è stata vietata per le nuove produzioni?

La principale differenza tra le caldaie a condensazione e quelle tradizionali sta nel fatto che le prime utilizzavano il calore contenuto nei fumi di scarico per produrre acqua calda e riscaldare gli ambienti, mentre le seconde non sfruttano questo calore e lo dissipano nell’ambiente attraverso il camino.

La caldaia a condensazione ha un rendimento fino al 109% perché è in grado di utilizzare il combustibile in modo più efficiente, consentendo di risparmiare fino al 30% sui costi del riscaldamento. Inoltre il cambio di rotta si è reso necessario perché una caldaia a condensazione produce meno emissioni di gas serra rispetto alla caldaia tradizionale, contribuendo a ridurre l’impatto ambientale.

Le differenze tra i due modelli riguardano anche il tipo di installazione: la caldaia a condensazione richiede una canna fumaria in materiale adeguato, mentre la caldaia tradizionale poteva essere installata anche con una canna fumaria in materiale tradizionale. Ovviamente la caldaia a condensazione, essendo più moderna ed efficiente, ha un costo più elevato rispetto ad una caldaia tradizionale ma ad oggi è l’unica acquistabile e installabile legalmente.