Bonus incentivi auto 2021: novità anche per l'usato
Lifestyle

Bonus incentivi auto 2021: novità anche per l’usato

Da agosto è possibile accedere ai nuovi incentivi per l’acquisto di auto, rifinanziato dal decreto Sostegni bis e ormai approvato sia dalla Camera che dal Senato. La torta a disposizione è di 350 milioni di euro, stanziati per un mercato che negli ultimi due anni sta vedendo una crisi da cui è dura risalire.

Queste risorse sono così divise:

  • 60 milioni per auto elettriche o ibride nuove, che emettono da 0 a 60 g/km di CO2;
  • 200 milioni per veicoli fino a Euro 6 nella fascia tra 61 e 135 g/km;
  • 50 milioni per i veicoli commerciali;
  • 40 milioni per le auto usate.

La novità di questo rifinanziamento, che andiamo ad analizzare insieme a Matteo della Concessionaria Grignani, è proprio l’introduzione di incentivi per l’acquisto di auto usate. Il “secondo mercato” durante la pandemia ha performato addirittura meglio del “primo” e fino ad oggi non ha potuto godere dei sussidi statali.

Chiunque potrà accedere ai bonus introdotti dal decreto Sostegni bis senza limiti di ISEE. Gli unici esclusi sono coloro che hanno già approfittato di altri incentivi per l’acquisto di un veicolo nel corso degli ultimi tre anni.

Il contributo statale va chiesto dal rivenditore attraverso la piattaforma online del Ministero dello Sviluppo Economico. Una volta concesso, viene trasferito al compratore come sconto sul prezzo finale dell’auto. Sarà poi l’azienda costruttrice a rimborsare il rivenditore e lo Stato, a sua volta, a conferire il vantaggio fiscale al costruttore.

Bonus incentivi auto 2021: il decreto Sostegni bis

Ecco quali sono gli incentivi validi da agosto per l’acquisto di veicoli nuovi:

  • Per la fascia 0-20 g/km di CO2: 6.000 euro senza rottamazione e 10.000 euro con rottamazione;
  • Per la fascia 21-60 g/km di CO2: 3.500 euro senza rottamazione e 6.500 euro con rottamazione;
  • Per la fascia 61-135 g/km di CO2: 3.500 euro, erogato solo con la rottamazione.

La decisione è stata quella di continuare a puntare sul rinnovamento del parco auto nazionale, invogliando i cittadini a rottamare per comprare soprattutto macchine elettriche e ibride. Il tutto guardando al 2035, anno in cui l’UE ha proposto lo stop ad auto a benzina e a diesel.

Gli incentivi per i veicoli nuovi saranno validi, esattamente come quelli per l’usato, fino al 31 dicembre 2021 o fino al termine delle risorse disponibili per questa categoria.

La novità: incentivi per l’usato

Dopo anni di richieste, giunge finalmente l’atteso bonus per l’acquisto di veicoli usati. Rispetto alle aspettative iniziali, il contributo statale ufficiale è praticamente dimezzato, ma resta storico il fatto che ci sia una prima apertura a questo mercato, solitamente escluso dal mondo degli incentivi.

Per accedere ai bonus sull’usato vanno rispettate alcune regole:

  • è d’obbligo la rottamazione di un’automobile immatricolata almeno 10 anni prima;
  • si può acquistare solo un veicolo usato Euro 6 o migliore e i bonus variano a seconda della fascia di emissioni;
  • l’auto usata acquistata deve essere intestata a una persona fisica. Le aziende hanno infatti uno schema di incentivi riservato;
  • è possibile comprare la vettura solo presso un rivenditore e non da privati. Il prezzo massimo che il rivenditore può fissare è di 25.000 euro. Questa cifra è stata calcolata in base alle medie di mercato.

Una volta rispettati questi prerequisiti, è possibile accedere al bonus.

Scendiamo ora nel particolare, riportando i contributi che lo Stato fornisce per l’acquisto di un’auto usata:

  • Per la fascia di emissioni 0-60 g/km di CO2, l’incentivo è di 2.000 euro;
  • Per le auto tra i 61 e i 90 g/km di CO2, si ricevono 1.000 euro;
  • Per l’ultima fascia, da 91 a 160 g/km di CO2, il contributo è di 750 euro.

Anche in questo caso si predilige l’acquisto di auto meno inquinanti, tant’è che i veicoli che godono dei bonus, sono limitati agli Euro 6. Questa asticella include sostanzialmente automobili immatricolate massimo nel 2017, quando lo standard è stato introdotto e quindi usate da non più di 3 anni.

Leggi anche l’articolo: Contatore luce e gas: siamo sicuri che funzioni bene?